Mario Maffei

Sono un vero napoletano; se ho un problema mi rivolgo a San Gennaro e mi viene la nostalgia quando parto, ma artisticamente mi sono formato in Francia e nel mio lavoro non c’è traccia di napoletanità. Disprezzo gli artisti locali che sfruttano tradizioni e problemi sociali di paesi e città per farsi conoscere all’estero e darsi un’identità che altrimenti non avrebbero. A me interessa trattare temi universali: le tradizioni locali le lascio alle sagre di paese e i problemi sociali alle forze dell’ordine. L’identità di un vero artista deve andare aldilà del posto in cui è nato. Non credo all’impegno dell’artista sul territorio, né al territorio come supporto artistico o luogo espositivo. Preferisco che l’arte abbia i suoi spazi: musei, centri d’arte, gallerie e fondazioni. Che la produzione di un artista sia influenzata dai posti e dai tempi in cui vive è una cosa scontata e non vedo il motivo di scendere in piazza ad urlare una tale evidenza. Un artista deve muoversi, conoscere gente di diverse culture, incontrare altri artisti, curatori, critici e galleristi, ma alla fine può vivere dove vuole, tanto spostarsi e comunicare è facilissimo.
Mario Maffei

 

 

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s